NEWS 
IL PALADINO  Articoli, interviste, notizie, rubriche                  
 numero 2

  Gli articoli (testo e immagini) sono di propriet dei rispettivi autori. Vietata ogni tipo di riproduzione.

 


    La locandina della commedia 'A tila si isa ancora del nostro Direttore artistico  Salvo  Mangano.  


 

PAGINA 1

 

 

 Omaggio al Professor
Salvatore Camilleri


   
 Il 22 maggio 2013, in occasione del compleanno del Professor Salvatore Camilleri, si tenuto, presso l'auditorium della scuola Pizzigoni di Catania, un recital di poesie dal libro Birib dello stesso autore. La serata stata organizzata dall'archeoclub di Catania.
    La Compagnia teatrale "Il Paladino" ha voluto rendere un tributo speciale al Professore Camilleri: Antonella Fichera e Salvo Mangano hanno recitato un brano tratto da "La Baronessa di Carini", il parricidio.


    Ecco alcune foto relative all'applaudita recitazione:











    Dopo i meritati applausi Antonella Fichera e Salvo Mangano posano con il Professor Camilleri per le foto ricordo.

 


(Foto gentilmente fornite dal Dr. Nicola Comunale Rizzo)

PAGINA 2


    Diamo il benvenuto ad una nuova collaboratrice: Carmine Elisa Moschella, Poetessa, Pittrice, Attrice e Cantante. Ecco una sua Poesia.



"Cuntu d'amuri"
"Lu re"

C'era cu c'era
c'era cu c'
la tavula conzu
a lu pacciu, a lu re.

Re di pinzera,
di cunti e di canti,
omu di spada,
cavaleri di livanti.

C' fora un cardiddu
supra na rama
ca canta cuntentu
pi la s dama.
E c' na papuzza
cu lu so sposu,
nu jattu, n'ariddu,
na simenza, un puttusu.

Un ghiommiru i lazzu
c'attacca pinzeri,
na scatula di lanna
ca sabba culuri.
E supra a la tavula
a lu re jo ci misi
pani di meli, vinu e girasi
e iddu "Signura, e li rosi?"

"Rosi non n'avi
vuscenza, perdonu,
li ciuri di campu
su lu me donu.

Li scogghi, lu suli,
la stidda, dimari,
li barchi, la rina,
lacqua, lu sali.

La rosa d'amuri
no si po rialari".



"Racconto d'amore" "Il re"
C'era chi c'era,/c'era chi c',/la tavola imbandisco/al pazzo, al re.//Re di pensieri,/di racconti e di canti,/uomo di spada,/cavaliere di levante.//C' fuori un cardellino,/sopra ad un ramo/che canta contento/per la sua dama.//E c' una coccinella/con il suo sposo,/un gatto, un grillo,/un seme, un buco.//Un gomitolo di spago/che lega pensieri,/una scatola di latta/che conserva colori.//E sopra la tavola /al re io ho messo/pane di miele, vino e ciliegie,/ma lui "Signora, e le rose?" "Rose non ne ha/vossignoria perdoni,/i fiori di campo /sono il mio dono.//Gli scogli, il sole,/la stella di mare,/la sabbia, le barche,/l'acqua, il sale.// La rosa d'amore/non si pu regalare.//


"Cuntu d'amuri"
"lu pacciu"

C'era cu c'era
c'era cu c'
la tavula conzu
a lu pacciu, a lu re.

Omu di cori,
pacciu p genti,
parra d'amuri,
testa sapienti.

C' gi un marinaru
intra a s naca
'nto scuru di salimi
voca, voca.

Intra da rizza
inzemi a pinzeri
cogghi pisci
e scuma di mari.
Curri lu mari
supra di scogghi,
curri l'unna
ammenzu a li magghi.

Lu pacciu ciancennu
si menti a cantari,
lassata la tavula
si senti sprajari.

"Lu suli, la luna
s lu me pani,
populi, canti,
terri luntani."

Cu l'arma di stidda
lucenti di duluri
mi bacia li manu,
ritonna a cantari.

La rosa d'amuri
spunta ammenzu u sali.



"Cuntu d'amuri"  "lu pacciu"
C'era chi c'era,/c'era chi c',/la tavola imbandisco/al pazzo, al re.//Uomo di cuore,/pazzo per la gente,/parla d'amore/testa sapiente. //C' gi un marinaio/dentro la sua culla/nel buio di salsedine/ rema, rema.//dentro la rete/insieme ai pensieri/raccoglie pesci/ e schiuma di mare.//Corre il mare/sopra gli scogli,/corre l'onda/in mezzo alle maglie (della rete).//Il pazzo piangendo/ si mette a cantare,/lasciata la tavola/si sente spiaggiare.//"il sole, la luna/sono il mio pane,/popoli, canti/terre lontane". //Con l'anima di stella/lucente di dolore/mi bacia le mani/ritorna a cantare.//La rosa d'amore/ spuntata in mezzo al sale.//

 

PAGINA 3

 

Copyright 2011-2020. Il Paladino - Tutti i diritti riservati.