I Poemi cavallereschi a dispense: La Gerusalemme liberata e L'Orlando furioso


La Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso





 TORQUATO TASSO
LA GERUSALEMME LIBERATA
Con prefazione e note di G. Stiavelli
Illustrata da 51 disegni di A. Pigna
Roma Edoardo Perino, Editore-Tipografo
1895


   Il libro è composto da 20 canti e 51 dispense (ogni dispensa presenta una incisione a tutta pagina, bianca al retro) per 412 pagine + 2 pagine di commento sul Tasso e 2 pagine di indice. Le dispense hanno una dimensione di 23X31 cm.

Canto primo, dispense 1-2-3
Canto secondo, disp. 4-5
Canto terzo, disp. 6-7
Canto quarto, disp. 8-9
Canto quinto, disp. 10-11
Canto sesto, disp. 12-13-14
Canto settimo, disp. 15-16-17
Canto ottavo, disp. 18-19
Canto nono, disp. 20-21-22
Canto decimo, disp. 23-24
Canto undecimo, disp. 25-26-27
Canto duodecimo, disp. 28-29-30
Canto decimo terzo, disp. 31-32-33
Canto decimo quarto, disp. 34-35-36
Canto decimo quinto, disp. 37-38-39
Canto decimo sesto, disp. 40- 41
Canto decimo settimo, disp. 42- 43-44
Canto decimottavo disp. 45-46
Canto decimo nono, disp. 47-48-49
Canto vigesimo disp. 50-51.


Torquato Tasso declama il suo Poema alla corte di Ferrara


La copertina della dispensa n. 31


    Dalla edizione de La Gerusalemme liberata edita dalla Casa editrice Giuseppe Nerbini nel 1959, ricopiamo alcune notizie bibliografiche sul Tasso (nato a Sorrento nel 1544 – morto a Roma nel 1595): La madre Porzia de’ Rossi, donna pistoiese di nobile intelletto, gl’infuse l’amore per l’idioma gentil sonante e puro, il padre Bernardo poeta di certo valore gl’insegnò a leggere sul suo Amadigi di Gaula, poema cavalleresco d’imitazione spagnuola, in gran pregio a quei tempi, sviluppando così nel piccolo Torquato la naturale inclinazione alla Poesia, la quale con segni non dubbi, si manifestò in lui assai precocemente.





***

L'Orlando Furioso di Ludovico Ariosto




 Ludovico Ariosto
L’Orlando Furioso
Testo integrale con volgarizzazione
in prosa di M. Guarnieri
Illustrazioni a colori
del Prof. Fabio Fabbi
Casa Editrice G. Nerbibi – Firenze
1948

    Il libro è composto da 588 pagine (compreso frontespizio, incisione raffigurante l’autore, due pagine sulla vita dell’autore, l’indice,). I canti sono XLVI raggruppati in 35 fascicoli (il termine dispense venne sostituito intorno al 1920 circa). Ogni fascicolo aveva una incisione a colori a piena pagina in copertina e una incisione (a volte due), sempre a piena pagina, in B/N. I fascicoli hanno dimensione di 18X26 cm. Un piccolo disegno chiudeva ogni capitolo.

    Ecco la copertina del fascicolo n. 2 e una incisione in B/N:








28/08/2014
Carmelo Coco

[Tutti i libri mostrati in questo articolo fanno parte della collezione del Maestro puparo Salvo Mangano.
Nessuna parte di questo articolo - testo, immagini - può essere riprodotta senza autorizzazione scritta dell’autore].